Eliminazione di coloranti durante l'anodizzazione

La tintura d'alluminio è un processo standard e viene in usato in quasi tutti gli impianti di anodizzazione. La messa a fuoco delle applicazioni s'indirizza sempre di più all'uso di colori brillanti soprattutto nella costruzione di facciate. Contro l'ambiente tali coloranti mostrano dei comportamenti problematici, poiché sono sviluppate delle strutture e formulazioni sempre più stabili e più resistenti alla chimica.

Qui l'ossidazione UV Enviolet interviene in modo efficace. In pochissimo tempo e con poca energia le strutture cromofori sono distrutti e le tinture sono eliminate dal risciacquo o acque di scarico. In quasi tutte le applicazioni può essere costruito, ottimizzando l'ossidazione UV, un sistema di riciclaggio d'acqua e quindi l'efficienza del metodo può essere aumentata significativamente.

(copy 1)

Trattamento UV delle acque reflue dei test delle cricche

Acque reflue di prova oltre agli oli di prova (test delle cricche) contengono forti coloranti che possono essere rilevati in quantità molto piccole. Quindi è necessario un metodo per il trattamento di detti effluenti. Questo problema è particolarmente aggravato dall'uso recentemente prescritto di oli di prova biodegradabili. Pertanto filtri a carboni attivo aggiunti biologicamente e membrane falliscono rapidamente il servizio. Di contrasto, il nostro metodo non solo distrugge i coloranti, ma regola anche la CSB. Questo crea delle acque reflue poco problematiche senza idrocarburi.

Trattamento di soluzioni e prodotti colorati

In molti casi, i coloranti devono essere rimossi. Lo facciamo combinando diversi metodi (precipitazione, assorbimento, filtrazione), in cui il trattamento UV svolge un ruolo centrale.

Anche per il miglioramento della qualità dei prodotti chimici (resine, liquori madri) togliamo le tinture.