Purificazione di rame elettrolitico

Durante il processo di raffinazione di rame, le impurità metalliche del anodo di rame si dissolvono nell'elettrolita e formano un cosiddetto fango anodo. Se l'arsenico, antimonio e bismuto, passano nel elettrolita, essi possono passare attraverso queste diverse reazioni, a seconda delle rispettive concentrazioni. Arsenico approda come As (III) nel elettrolita e in parte viene ossidato in As (V).Ciò può formare arseniati difficilmente solubili con antimonio e bismuto, che ora possono portare a molti problemi come intasamento dei tubi o difetti catodici  nell' elettrolisi. In passato, si facevano dei processi di pulizia a più fasi nelle raffinerie, per essere padrone di queste impurità. Tecnologie di scambio ionico sono stati utilizzati, ma non hanno avuto successo, perché le resine sono state bloccate, rispettivamente si creava uno sforzo di rigenerazione troppo alto.

Enviolet ora ha sviluppato un nuovo metodo che evita questi problemi. Infine raffinerie di rame hanno un processo di purificazione di rame elettrolita funzionale per rimuovere antimonio e bismuto dal elettrolita. Enviolet lavora esclusivamente con resine Lewatit.

Il recupero dell'acido di  rigenerazione è un passo significativo per la redditività del processo. Con il metodo Enviolet è possibile riciclare l'80% di acido rigenerante.